Domanda difficile che in molti si faranno. Meglio più lavoro (con tutti i rischi che ne conseguono) o focalizzarsi su determinati tipologie di clienti, ricercando però quelli di qualità (non solo per dimensione aziendale, s’intende precisione nei pagamenti, rispetto del lavoro, ecc)?

Francamente credo che questo sia un percorso da fare. Per poter emergere al meglio ci vuole esperienza, e molta di questa si accumula proprio nel tempo, attraverso “storie” di lavoro che spesso si ripetono, con problemi spesso noti (pagamenti, remunerazione a singhiozzi, ecc). Un’azienda che vuole affermarsi deve selezionare al meglio il proprio target di clientela. Spesso ci si mette molto tempo, ma è un’operazione importante ed è legittimo sia così.

Credo però che cercare clienti di qualità (e che rendano il lavoro davvero remunerativo) sia un percorso giusto, per onorare la propria professionalità ed ambizioni. Francamente pensateci bene: il cliente che paga il vostro servizio ad un costo molto basso (quasi sicuramente) vorrà che il vostro servizio funzioni allo stesso modo di uno che costa di più, sia efficiente e porti risultati (es. una penna da 5 euro non sarà bella e rifinita come una da 100, ma se non dovesse scrivere non sarebbe una penna funzionante).

E a fronte di un minimo ricarico, il professionista o l’azienda sarebbe in grado di fornire un servizio di alta qualità? E qualora ci fossero intoppi nell’esecuzione del lavoro (esempio un tempo più lungo per la sua realizzazione), il piccolo ricarico dell’azienda andrebbe in fumo. E pensate anche (e sempre) al “rischio” che qualsiasi lavorazione ha dietro di sé (figlia del rischio d’impresa).

Con questo non voglio dire che bisogna vender sabbia nel deserto a milioni di euro, ma propongo a tutti una riflessione sulla tipologia di cliente da selezionare per poter elevare davvero al qualità del proprio lavoro (prezzo compreso, dato che quest’ultimo è la somma di molti fattori) e… semplicemente lavorare più serenamente. Non abbiate paura, meglio focalizzarsi bene su chi può render il nostro lavoro “migliore” che correre tanti piccoli rischi

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIN
  • Pinterest
Condividi
Articoli che potrebbero interessarti